FBTWITTERyoutube
CERCAFBTWITTERyoutube
testata spacer

Sebbene l'Emilia Romagna sia una delle regioni con il più alto tasso di occupazione femminile, il lavoro delle donne continua ad essere il più precario, il meno retribuito e quello con maggiori elementi di instabilità connessi, prevalentemente, all'esigenza di conciliazione tra vita professionale e familiare.
La CGIL Emilia-Romagna è impegnata a costruire un modello economico e sociale integrato che contempli politiche di genere e di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per donne e uomini e a contrastare la precarietà del lavoro femminile e promuovere un lavoro di qualità per le donne, superando diseguaglianze e discriminazioni. Diventa centrale l'iniziativa finalizzata a dare impulso a nuove pratiche negoziali e ad individuare azioni e strumenti di sostegno alle politiche del lavoro per l'occupazione femminile, con un'attenzione particolare rivolta alle giovani donne, alle donne migranti, alle donne sole e adulte allontanate dal mercato del lavoro e difficilmente ricollocabili.

La CGIL Emilia-Romagna opera altresì per la salvaguardia delle condizioni di vita e di lavoro dei migranti tramite un approccio integrato che risponda ai loro bisogni complessi ed eterogenei, superando la logica di interventi di carattere assistenziale ed emergenziale in favore di politiche strutturali e stabili.
Inoltre, la CGIL promuove e realizza iniziative per la lotta alla discriminazione, a favore della mediazione culturale e dell'alfabetizzazione.
Parallelamente, al suo interno, sta progressivamente adeguando la struttura della propria rappresentanza e l'offerta del Sistema Servizi al forte incremento di iscritti di origine straniera.