FBTWITTERinstagramyoutube
CERCAFBTWITTERinstagramyoutube
testata spacer

“Il sindacato annovera tra le proprie finalità la tutela delle condizioni di lavoro, intesa non soltanto nei profili collegati alla stabilità del rapporto ed agli aspetti economici dello stesso, oggetto principale e specifico della contrattazione collettiva, ma anche per quanto attiene la tutela delle libertà individuali e dei diritti primari del lavoratore”.
Dalla Sentenza Corte di Cassazione rito abbreviato processo AEMILIA.

La CGIL con la scelta di costituirsi parte civile nei processi di mafia, Aemilia, Safi-Bianchini, Stige, Grimilde e nei processi di caporalato, vuole affermare il proprio ruolo nella promozione della legalità e di contrasto all’attività criminale, mettendo al centro i diritti di lavoratrici e lavoratori, che vengono negati nelle imprese controllate/infiltrate dalla criminalità organizzata in particolare di carattere mafioso.

La CGIL svolge la sua azione di contrasto all'illegalità economica, in sinergia con i soggetti del territorio - Regione (in particolare attraverso la Consulta regionale della legalità), Forze dell'ordine, Magistratura, Associazioni imprenditoriali e mondo associativo - perseguendo politiche contrattuali, sia in ambito territoriale sia in ambito aziendale.
Sul piano istituzionale, partecipa ai tavoli territoriali permanenti con le istituzioni locali per il monitoraggio e il contrasto dei fenomeni malavitosi e sostiene la definizione di adeguati strumenti legislativi.
In particolare, in seguito al sisma del maggio 2012, si è impegnata nell'individuazione di modelli adeguati al contrasto delle infiltrazioni mafiose nella lunga fase di ricostruzione, successivamente sviluppati nel Patto per il Lavoro dell'Emilia Romagna e nella L.R. 28 ottobre 2016, n.18 (Testo unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell'economia responsabili).
Cresce la partecipazione a iniziative promosse in rete con Associazioni impegnate sul territorio come Libera e Avviso Pubblico.

Legalità e giustizia sociale rappresentano pilastri fondamentali della nostra iniziativa. La CGIL è impegnata nella definizione di percorsi e protocolli per la sicurezza urbana, coniugando legalità, riconoscimento dei diritti ed interventi sul piano sociale. La CGIL considera la lotta contro l'evasione fiscale e contributiva un punto centrale della propria iniziativa e, a tal fine, sostiene la stipula dei “patti anti-evasione” tra l'Agenzia delle Entrate e i gli Enti Locali.

La CGIL sta lavorando a diversi livelli per rafforzare la propria iniziativa nell'ambito di tutto il comparto sicurezza (Polizia, Guardia di Finanza, Polizia penitenziaria e i diversi Corpi militari e civili): sostenendo le riforme necessarie per il pieno riconoscimento dei diritti sindacali a tutti i corpi militari, favorendo la nascita di sindacati liberi grazie alla fondamentale Sentenza della Corte Costituzionale n°120, dell’11 aprile 2018 (SILF-Finanzieri, SILCA-Carabinieri, SILME-Esercito, SIAM-Areonautica e del costituendo SIMM-Marina).

Il sequestro e la confisca dei beni alla criminalità organizzata, fin dalla Legge Rognoni-La Torre, costituisce una delle armi più importanti per la lotta contro le mafie. La CGIL è impegnata, a partire dagli strumenti legislativi definiti a livello regionale e attraverso la stipula di specifici protocolli con i Tribunali, a favorire la rapida destinazione dei beni a fini sociali e a salvaguardare il lavoro nelle aziende sequestrate/confiscate.
La CGIL, insieme allo SPI e a diverse altre categorie, in collaborazione con Libera, Arci e le organizzazioni degli studenti medi e universitari, è altresì impegnata nella partecipazione ed organizzazione dei “campi della legalità”, realizzati sui terreni e beni confiscati alle mafie.