1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
stemma CGIL Emilia-Romagna
 
 

Incidente di Bologna del 06/08/2018: sicurezza e circolazione delle merci non devono essere a discapito dei lavoratori e dei cittadini


«Sono trascorsi ormai tre giorni dal 6 agosto, quando un tamponamento tra mezzi pesanti ha tagliato in due il Paese. 

Autostrada e tangenziale bloccate; gran parte delle arterie stradali ordinarie presidiate dalle forze dell'ordine che hanno consentito ai mezzi di soccorso di intervenire immediatamente sul luogo dell'incidente e mettere in sicurezza chi su quel tratto stava transitando.

Fondamentali sono stati anche le lavoratrici e i lavoratori della Società Autostrade che si sono adoperati con tutti i mezzi a loro disposizione per consentire di mettere a conoscenza di percorsi alternativi gli altri viaggiatori. 

Non posso però non unirmi alla voce corale di cordoglio e vicinanza a tutte le persone e cittadini che in quella triste giornata sono state coinvolte. Non posso non ricordare l'autista del mezzo pesante che è esploso, le mie condoglianze vanno alla sua famiglia ed ai suoi cari.
 
Il   tema   della   sicurezza   sulle   nostre   strade   è   priorità   della   Filt   Cgil   Emilia   Romagna,   con particolare attenzione al trasporto di merci pericolose e infiammabili. 

Diverse le 'ricette' che ho ascoltato in questi giorni, alcune anche condivisibili, dalle corsie preferenziali, agli orari specifici e dedicati, alla possibilità di portare le stesse merci pericolose su rotaia.
 
Indubbiamente oggi il trasporto su gomma - tutto, non solo quello di merci pericolose - vede una  forbice molto ampia e sbilanciata a discapito del trasporto su ferro. Vorrei però anche sottolineare che nel nostro Paese gli autisti hanno una professionalità certificata ed abilitata per poter circolare: non si può dire lo stesso, spesso, dei mezzi che le aziende mettono loro a disposizione; così come non sempre viene loro consentito, nel rispetto delle leggi e dei contratti di lavoro, il riposo e le soste durante il viaggio.

Ci vuole un lavoro di squadra, tra istituzioni e parti sociali perché ciò che è accaduto non si ripeta; solo per una casualità non vi è stata una ecatombe anche tra chi vive nelle abitazioni vicine, al contrario di quanto avvenuto meno di dieci anni fa ad Arezzo con un treno merci deragliato.

Anche in una regione come la nostra che ha svolto e svolge un lavoro importante sul trasporto pubblico su gomma e ferro, stupiscono le dichiarazioni del ministro Toninelli ed il suo governo, che pensa di agire con tagli importanti a discapito, non solo delle migliaia di lavoratori occupati a tutti i livelli, ma anche dei cittadini, limitando il diritto ad una circolazione libera e sicura su strade ed autostrade».

Giulia Grandi
Segretaria Generale Filt Cgil Emilia Romagna
Bologna 9 agosto 2018















 
 
Via Marconi 69 - 40122 Bologna
Tel. 051 - 294.011
C.F. 80061230373
e.mail: info@er.cgil.it
e.mail ufficio stampa: florinda_rinaldini@er.cgil.it
privacy: er_cesireg@er.cgil.it