1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
CGIL Emilia-Romagna
 
Attenzione: le aperture delle procedure per gli ammortizzatori sociali vanno inoltrate alle categorie territoriali di riferimento
stemma CGIL Emilia-Romagna
 
 
 
 

Iren sostituisce con il suo personale quello in sciopero. Inaccettabile, la sottoscrizione di un protocollo appalti non più rinviabile


È molto grave quanto successo lo scorso 18 giugno in occasione dello sciopero per l'intera giornata indetto da FILCAMS CGIL nei territori di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Modena. 
Una mobilitazione frutto del mancato riconoscimento del contratto nazionale da parte della società vincitrice della gara d'appalto di Iren per la gestione degli sportelli, che andrà a peggiorare da agosto le condizioni contrattuali e normative del personale impiegato dal 2009 su questo servizio. Le normative e le retribuzioni applicate alle lavoratrici e ai lavoratori in appalto sono infatti sensibilmente inferiori a quelle applicate al personale Iren. Per tutta risposta, la multiutility ha deciso durante la giornata di sciopero di sostituire con il proprio personale i lavoratori in sciopero. Una condotta inaccettabile che mette in discussione la genuinità dell'appalto stesso e che rende non più rinviabile la sottoscrizione con Iren di un protocollo appalti, proprio come già avvenuto con tutte le altre multiutily regionali. C'è da dire che da tempo le organizzazioni sindacali dell'energia e dell'ambiente stanno cercando di sottoscrivere un protocollo con Iren, ma la direzione aziendale si è sempre opposta (in particolare  riguardo alla definizione dei contratti nazionali applicabili). Gli appalti di servizi rappresentano infatti in Iren una realtà che coinvolge migliaia di lavoratrici e lavoratori: gli sportelli sono completamente gestiti dal personale esterno; la raccolta dei rifiuti è esternalizzata per oltre il 70%; l'installazione, apertura e chiusura dei contatori con la rilevazione dei consumi degli utenti è da tempo affidata a società esterne. Così facendo, da un lato Iren inserisce negli accordi quadro di servizi clausole di totale deresponsabilizzazione rispetto al personale delle aziende appaltatrici, dall'altra agisce come un vero e proprio datore di lavoro diretto. È così i frequenti cambi di appalto altro non sono che l'occasione per un'ulteriore compressione dei costi che avvantaggia la multiutility e penalizza sempre più le lavoratrici e i lavoratori occupati negli appalti di servizi.La domanda pertanto è d'obbligo: cosa rimane in capo a Iren oltre gli utili? E gli utili arrivano grazie alla mancata applicazione del CCNL di settore?È quindi necessario non procrastinare ulteriormente questa situazione e ripristinare lo stato di diritto con la corretta applicazione contrattuale, procedendo velocemente alla sottoscrizione di un protocollo appalti che impegni il gruppo Iren all'applicazione di pratiche corrette. 
CGIL Emilia-Romagna e le categorie FILCAMS, FILCTEM, FP metteranno in campo ogni iniziativa sia sindacale che legale al fine di ripristinare una corretta situazione di diritto. 

CGIL ER
FILCAMS CGIL ER
FILCTEM CGIL ER
FP ER


 
 
Via Marconi 69 - 40122 Bologna
Tel. 051 - 294.011
C.F. 80061230373
e.mail ufficio stampa: beppe.persichella@er.cgil.it
privacy: er_cesireg@er.cgil.it