CERCAFBTWITTERinstagramyoutube
CERCAFBTWITTERinstagramyoutube
testata spacer

CGIL CISL e UIL esprimono vicinanza e solidarietà alla procuratrice generale reggente di Bologna Lucia Musti, oggetto nei giorni scorsi di una doppia intimidazione da parte di ignoti. Le organizzazioni sindacali ritengono particolarmente inquietante gli episodi avvenuti dopo le denunce pubbliche della procuratrice che ha definito l’Emilia-Romagna un “distretto di mafia”. Occorre infatti piena consapevolezza sul fatto che le mafie sono forti e attive in regione, ed è per questo necessario alzare il livello di guardia per contrastarne l’infiltrazione nella nostra società.

La dottoressa Musti ha svolto e sta svolgendo un lavoro prezioso in diversi processi di mafia in regione che hanno visto il sindacato costituirsi parte civile. Ribadiamo quindi il nostro pieno sostegno al lavoro della magistratura e in particolare a quello della procuratrice, e la nostra assoluta determinazione a contrastare ogni forma di criminalità organizzata e in particolare di stampo mafioso.

CGIL CISL UIL Emilia-Romagna
CGIL CISL UIL Bologna

 

powered by social2s